Allarme Confesercenti sull’Italia

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Allarme Confesercenti sull’Italia

Tra il 2020 e il 2020 i consumi degli italiani si sono ridotti del 4 per cento, la flessione ha bruciato ben 45 miliardi di euro, di cui 35 soltanto nel 2020. Ci siamo lasciati alle spalle un’annata triste ma per il 2020 le prospettive non sono rosee.

Confesercenti lancia l’allarme nel nostro paese. Nell’anno in corso si prevede un calo di 10 miliardi di euro, che si aggiungono ai 35 miliardi già persi nel 2020. In generale la capacità di acquisto delle famiglie si ridurrà di 2000 euro. Tutto dipende dalla crisi che sta praticamente falciando le piccole e le medie imprese.

Confesercenti ha le idee chiare. Molto di questa situazione si deve anche all’aumento delle tasse che per esempio con IMU e TARES alleggeriscono troppo il portafoglio dei consumatori. Il prelievo fiscale, tuttavia, cambierà nel 2020 ma nel senso che aumenterà di 10 miliardi. Ogni nucleo famigliare, quindi dovrà essere in grado di risparmiare altri 800 euro per pagare le tasse.

Secondo Confesercenti deve essere definita un’inversione di tendenza a livello governativo, altrimenti il paese rischia di finire in una recessione pesante da cui sarà difficile divincolarsi. In generale, gli italiani, scegliendo cosa tagliare nel loro budget, saranno portati a rinunciare a bevande alcoliche e tabacchi (-4%), all’abbigliamento e alle calzature (-8,9%), agli alimentari e alle bevande (-4,2%) e alla carne (-5,2%).

Covid-19, l’allarme di Confesercenti: a rischio 30mila imprese

Ci sono anche tantissime attività che si intrecciano con il settore degli esports tra quelle che Confesercenti vede particolarmente a rischio a causa dell’impatto del Coronavirus. Se la cancellazione o lo slittamento nel tempo di molti eventi ha portato ad un aumento dell’attività online, è vero che gli esports vivono anche proprio grazie agli eventi dal vivo, nei quali si crea un’atmosfera altrimenti impossibile da respirare.

L’emergenza Coronavirus tuttavia si prolunga, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha annunciato ieri sera l’estensione a tutto il nostro Paese delle misure restrittive già previste da domenica per la Lombardia e per alcune provincie del Veneto. “Abbiamo adottato una nuova decisione – ha dichiarato Conte – che si basa su un presupposto: tempo non ce n’è. I numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante dei contagi, delle persone ricoverate in terapia intensiva e subintensiva e ahimè anche delle persone decedute. La nostre abitudini quindi vanno cambiate”.

Solo poche ore prima la presidente di Confesercenti, Patrizia De Luise, aveva richiamato l’attenzione sull’impatto del Coronavirus sull’economia di una dei settori più vicini a quello che quotidianamente seguiamo. Come ha riportato anche Gioconews se la ‘fase acuta’ dell’allarme da contagio dovesse durare fino ad aprile, secondo la stima di Confesercenti sarebbero a rischio 6,5 miliardi di consumi, interni e turistici, e 8 miliardi di Pil nel semestre.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Un impatto devastante sui consumi turistici (-5 miliardi) e interni (-1,5 miliardi); una riduzione di consumi che, assieme al calo degli investimenti, porterebbe alla perdita di 8 miliardi di euro di Pil (-0,3 percento) e alla possibile chiusura di 30mila imprese nei settori del turismo, del commercio, dei pubblici esercizi, dei servizi e dei trasporti.

“Stimiamo 2 miliardi di euro in meno di consumi per le imprese ricettive e 1,3 miliardi in meno per bar e ristoranti – riposta Confesercenti -, mentre per agenzie di viaggio e tour operator la perdita è di 342 milioni. Per i negozi il calo è di 748 milioni di euro, 586 per i trasporti. L’impatto è concentrato principalmente nelle regioni del nord e nelle città d’interesse turistico”. Per questo De Luise auspica l’attuazione di politiche che garantiscano la continuità delle attività economiche al di là dell’emergenza. “I 7,5 miliardi di euro in arrivo dal Governo – spiega – sono una risposta importante, ma potrebbero rilevarsi insufficienti se il trend dovesse continuare a lungo”. Tra le altre misure proposte da Confesercenti per salvare il settore vi è la sospensione delle rate dei finanziamenti, agevolazioni sul credito, uno stop adeguato al fisco e l’estensione degli ammortizzatori sociali a micro imprese e autonomi”.

Allarme Confesercenti sull’Italia

Nei primi 4 mesi del 2020 21mila chiusure

“Sull’IVA si passi dalle parole ai fatti, perché il Paese è a un passo dal baratro: con un aumento dell’aliquota, i consumi si contrarrebbero ulteriormente e la crisi delle imprese del commercio al dettaglio si aggraverebbe. E lo scenario terribile di un Paese senza più negozi di vicinato rischia di avverarsi”. Confesercenti lancia l’allarme sulla situazione del commercio al dettaglio in Italia, sottolineando la gravità dell’emorragia che ha colpito il settore, dall’inizio del 2020, e l’effetto che l’aumento dell’aliquota IVA potrebbe avere su di esso. La desertificazione delle attività commerciali in Italia appare essere un fenomeno in continua accelerazione, e potrebbe portare – secondo le stime della Confederazione – alla scomparsa dell’intera rete dei negozi nel nostro Paese già nell’arco dei prossimi 10 anni.

Focus: previsioni 2020 per settori d’attività: “cali peggiori per abbigliamento e bar e ristoranti”

Login
Registrati
Scrivi al sito

L’esperto informa
  • Scadenzario fiscale di Giugno 2020
  • Scadenzario fiscale di Maggio 2020
  • Scadenzario fiscale di Aprile 2020
  • Scadenzario fiscale di Marzo 2020

Imu, Bankitalia: “Attribuirla ai Comuni”
Sull’Imu le interferenze tra la politica tributaria nazionale e la fiscalitа locale rendono il prelievo opaco per il contribuente”. Lo afferma la Banca d’Italia in audizione al Senato sostenendo che la riforma della .

Fioristi, le imprese incontrano i deputati
“Umiliati da abusivismo, ora serve legge”

Assofioristi Confesercenti e Federfiori Confcommercio: “Rispetto e attenzione per un comparto da 30mila aziende”

Una figura professionale di grande valore economico e culturale, da regolamentare per legge in Italia così come avviene in tanti Paesi europei, dall’Olanda alla Germania. Nella giornata di ieri le delegazioni Assofioristi Confesercenti e Federfiori Confcommercio sono state ricevute presso la Camera dai deputati Susanna Cenni (Pd) e Catia Polidori (Pdl) per discutere del progetto di legge concernente la regolamentazione della figura professionale del Fiorista, da tempo sostenuta dalle due associazioni. Al vertice hanno preso parte, per Assofioristi, il Presidente Nazionale Mario Selicato, il direttore di Confesercenti Toscana Massimo Biagioni e la coordinatrice Nazionale Pina Parnofiello; per Federfiori, il Presidente Nazionale Carlo Sprocatti e l’imprenditrice Lucia Carbognin.

“L’Italia deve attenersi con rigore al percorso di moderazione del disavanzo specificato nell’aggiornamento per il 2020 al suo programma di stabilità, affinché non venga di nuovo superato il valore di riferimento del 3%” di deficit/Pil, una sfida cruciale per la politica di bilancio del nuovo governo”. E’ quanto scrive la Bce nel bollettino mensile, sottolineando che “il risanamento di bilancio più graduale indicato nel nuovo programma di stabilità dell’Italia presenta rischi, rappresentati da un’evoluzione macroeconomica peggiore delle aspettative ed un rallentamento delle entrate rispetto alle dinamiche ipotizzate, nonché maggiori spese”.

“Libera la domenica”, la proposta di legge
stampata tra gli atti della Camera

Iniziato il percorso della pdl di iniziativa popolare, sottoscritta da più di 150mila cittadini

Libera la Domenica ha iniziato il suo percorso parlamentare. La proposta di legge di iniziativa popolare, per la quale Confesercenti ha raccolto il sostegno di 150mila firmatari in tutta Italia, è stata stampata oggi fra gli Atti Parlamentari della Camera dei Deputati. Obiettivo della legge è cambiare la normativa sulle liberalizzazioni e riportare nell’ambito delle competenze delle Regioni le decisioni sulle aperture degli esercizi commerciali. Si tratta di una legge di civiltà che freni l’eccesso di aperture domenicali e festive delle attività commerciali, restituendo dignità ed equilibrio a imprenditori e lavoratori del settore. Essendo una legge di iniziativa popolare, non decadrà con il termine della legislatura.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Сome fare soldi con le opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!:

In primo piano