Apertura di settimana le news dai mercati

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Contents

Apertura di settimana le news dai mercati

Apertura di settimana incerta sui mercati Asiatici dopo gli eccellenti dati sulla creazione di occupazione nel mese di Ottobre rilasciati venerdì negli USA. Lo scorso mese sono stati infatti creati 204,000 posti di lavoro contro una stima prevista di 125,000. I traders si stanno dunque domandando se questi dati spingeranno la Fed a propendere nuovamente per una cessazione degli stimoli monetari all’economia o meno. A far propendere per questa ipotesi ci sono anche i dati sull’utilizzo di questi fondi che vedono un sistema bancario scarsamente reattivo rispetto a questa poderosa iniezione di liquidità. Sembra infatti che questi capitali non vengano utilizzati dalle banche per concedere prestiti al consumo dando linfa vitale ad un’economia in crisi, ma, preferiscano piuttosto reinvestire questi fondi presso la Federal Reserve ricevendone lo 0.25% sui depositi. Questa mancanza di allineamento fra la Banca Federale e le banche private non può essere riconducibile ad una riduzione della domanda di prestiti al consumo in quanto i prestiti dal settore non bancario sono cresciuti di oltre l’8% nello stesso periodo.

Sul fronte Europeo pesa invece il pressante paragone fra il momento deflazionistico dell’area Euro ed i fondamentali macroeconomici che hanno caratterizzato il Giappone degli ultimi 20 anni. Ricordiamo infatti che dopo 2 decenni di defalzione, la terza economia mondiale è tornata solo di recenti a livelli di inflazione positivi con nuovi segnali di crescita stabile. A confermare questi timori in area Euro è arrivato appunto l’abbassamento dei tassi da parte della BCE ai minimi storici.

La combinazione di quanto sopra ci ha riportati ad un EUR\USD al livello di 1.33 in ribasso di quasi 5 figure nella settimana passata. Nonostante un’apertura di giornata in lieve rialzo per il cross, il trend generale resta pertanto ribassista con primo supporto ad 1.3350 e successivo a 1.3300. Sterlina ancora forte con GBP\USD in rialzo con resistenza ad 1.607 e supporto 1.599. I “rumors” su un possibile apprezzamento del $ potrebbero creare elevata volatilità sulle principali materie prime, con Crude Oil che potrebbe rompere la forte resistenza a 95$ ed il Gold che potrebbe tornare sopra i 1,300$ l’oncia.

Non vi sono notizie di rilievo in uscita per la giornata di oggi.

10:00 EUR Italia Produzione Industriale

18:00 EUR Weidmann Bundesbank, discorso a Basilea

Coronavirus, segnali di speranza dai mercati asiatici. Piazza Affari apre in rialzo, ma poi vira in negativo

Dopo l’ultimo quarto d’ora in recupero a Wall Street venerdì, l’Asia rimbalza con Shanghai. L’Europa tenta un rimbalzo, Milano in rosso dopo l’apertura positiva

Prove di recupero delle azioni globali dopo una settimana da incubo, che però ha visto Wall Street rialzare la testa negli ultimissimi minuti di venerdì. In Europa i primi prezzi segnano rialzi con Milano che apre intorno a +1,5% per poi rientrare in area +0,5% e tornare, dopo circa un’ora, in area decisamente negativa fino a chiudere a -1,5%. In Asia bene Tokyo che mette a segno un rialzo di quasi l’un per cento mentre le Borse di Shanghai e Shenzhen addirittura balzano di oltre il 3% nonostante l’orrendo dato uscito sabato sull’attività manifatturiera cinese a febbraio, ai minimi di sempre. Rimbalzo anche per il petrolio e per l’oro, dopo il tonfo di fine settimana scorsa, mentre sul versante valutario l’euro mantiene i guadagni recenti su dollaro. A sostenere i mercati in avvio di settimana l’attesa che le banche centrali intervengano in soccorso, a cominciare dalla Fed, che tra due settimane potrebbe tagliare i tassi anche di mezzo punto. Segnali positivi anche da Wall Street, dove gli indici principali (intorno metà seduta) segnano rialzi superiori al 2%.

WALL STREET TROVA LA FORZA DI UNO SPRINT FINALE CON IL NASDAQ CHE FINISCE IN POSITIVO

Al termine di una settimana da vertigini anche l’ultimo quarto d’ora di Wall Street di venerdì, prima del campanella di chiusura, è stata da vertigini. I tre indici infatti recuperavano gran parte delle pesanti perdite segnate in apertura con il Nasdaq che finiva, anche se frazionalmente, in territorio positivo. Verso le 10 del mattino americano sembrava che ci fossero tutte le premesse per un venerdì nero a chiusura di cinque giorni da incubo, con la peggior perdita cumulata in così poche sedute dai tempi dell’esplosione della grande crisi. Invece con uno sprint finale il mercato ha trovato la forza di salvare almeno la seduta di venerdì. Se sarà anche qualcosa di più lo vedremo nei prossimi giorni e settimane. Si dice che a Wall Street quello che conta davvero è l’ultima mezz’ora, e di questa la seconda metà. E si dice anche che venerdì non sia il giorno migliore della settimana per comprare azioni, perché poi per 48 ore hai le mani legate.

NESSUNA NOTIZIA CLAMOROSA MA SOLO UN RISVEGLIO SPONTANEO, TONFO DELL’ORO

Una cosa interessante è che alle 15:45 di venerdì non è uscita nessuna notizia clamorosa tale da far invertire la rotta agli investitori, dalle vendite agli acquisti. Pochi minuti prima il Dow Jones era ancora sui minimi di seduta, sopra i 24.700 punti, poi un balzo di quasi 750 punti a sfiorare 25.000. Stessa storia per l’S&P 500 mentre il Nasdaq addirittura negli stessi minuti schizzava dall’area 8.360 fino a sfiorare 8.600 e portarsi anche se di uno zero virgola in territorio positivo. Alcuni titoli più speculativi, come ad esempio Uber, sono passati nella stessa seduta da un calo del 5% a una chiusura in rialzo del 4,5%. Allo stesso tempo l’oro, reduce da una corsa mentre le azioni andavano in picchiata, nel finale di settimana fa il tonfo giornaliero più pesante dal 2020.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Cosa fare prima di reagire in modo emotivo alle perdite di Borsa

Cosa fare prima di reagire in modo emotivo alle perdite di Borsa

PESSIMO DATO CINESE MA LA BORSA DI SHANGHAI AVEVA ANTICIPATO CON LA CADUTA DI FINE GENNAIO

Che cosa è successo? Magari chi speculava al ribasso ha pensato di mettere al sicuro i guadagni negli ultimi minuti di Wall Street pronto a ricominciare a vendere allo scoperto alla riapertura di lunedì? O forse il mercato ha avvistato la fine della correzione che in 5 sedute si è mangiata tutti i guadagni degli ultimi mesi e ha cominciato a riposizionarsi? Sabato, a mercati chiusi, è arrivata dalla Cina una pessima notizia sull’attività manifatturiera, con l’indice di febbraio precipitato a 35,7 da 50 di gennaio andando a toccare un minimo record. Ma se guardiamo all’andamento del mercato azionario sembrerebbe che la cosa fosse già stata prezzata e questa mattina abbiamo avuto la conferma. Il grafico qui sotto mostra come la Borsa di Shanghai abbia scontato in anticipo tra fine gennaio e inizio febbraio l’impatto del virus sulla produzione, mentre in America l’effetto si è scatenato dopo.

Indici a confronto: Shanghai composite (nero) e Dow Jones (blu)

SCONTATO UN IMPATTO NEL PRIMO TRIMESTRE SU TRIMESTALI E PIL, MA I FONDAMENTALI RESTANO

Di una cosa si può essere abbastanza certi: se (sicuramente) e quando (vedremo) arriverà il recupero, non avrà la stessa velocità della correzione di settimana scorsa. Anche perché le voci dei professionisti nelle previsioni di catastrofi si faranno sentire. Se l’estate scorsa è bastata un’inversione temporanea della curva dei tassi americani per catapultare la parola ‘recessione’ in prima pagina, figuriamoci adesso. E infatti lo stiamo sperimentando. Sicuramente ci sarà un impatto negativo sulla crescita degli utili delle società americane, come prevede Goldman Sachs. Ed è scontato anche un impatto sul Pil globale del primo trimestre, con epicentro Cina ma onde d’urto anche in Europa, con epicentro purtroppo Italia, e America. Guardando oltre, però, la solidità dei fondamentali economici e societari sembra per ora intatta. E le banche centrali sono pronte a fornire tutta la liquidità necessaria per sostenere il ciclo economico e i mercati, liquidità che non potrà non canalizzarsi sull’azionario, vista la mancanza di alternative.

BOTTOM LINE

Il 20 gennaio scorso abbiamo scritto che Wall Street non poteva mantenere per 12 mesi il passo da centometrista dei primi venti giorni del 2020. Il virus è stata probabilmente la scusa perfetta per portare a casa un profit importante e prepararsi a ripartire dopo la pulizia. La velocità è stata da paura, per l’acceleratore degli automatismi che ormai dominano gli scambi. Le risalite di solito sono più lente e faticose delle ‘discese ardite’, ma le premesse per un anno alla fine positivo per economie e mercati sembrano intatte.

Analisi di Scenario

Un accordo in Europa è ancora possibile

Probabilmente, un buon accordo, in cui tutti i paesi guadagnino, è ancora possibile se si riesce ad integrare diverse delle proposte oggi sul tavolo, tra vecchi e nuovi. Continua

Borsa Italiana, dove investire ora?

Diversi investitori si chiedono se è arrivato il momento di tornare a investire a Piazza Affari e, in caso, di risposta affermativa, quali asset privilegiare Continua

La crisi? Per chi l’affronta nel modo giusto potrebbe essere un’opportunità

L’emergenza sanitaria in corso ha portato in primo piano tutta una serie di temi legati alla gestione aziendale in situazioni di crisi. Ma potrebbero però emergere – secondo la. Continua

Guida agli investimenti

Una serie di guide ed approfondimenti per investire in modo consapevole, sicuro e profittevole
Continua

Quale asset allocation dopo le ultime montagne russe?

Vincent Chaigneau (Generali Insurance Asset Management) suggerisce un prudente re-risking dei portafogli. Le azioni offrono valore a lungo, ma sono esposte alla riduzione della. Continua

Uscire dalla Pandemia 2020 con gli “European Reconstruction Proportional Bond” (seconda parte)

Diversamente dagli osteggiati “Eurobond”, gli ERPB sono bond che verrebbero emessi dai singoli paesi europei, ciascuno pro quota nell’ambito di un plafond complessivo, suddiviso. Continua

Quando il ritorno alla normalità sui mercati?

Crisi significa anche opportunità. Non solo in cinese, ma anche sui mercati finanziari, perché durante una crisi i prezzi si abbassano fino ad un punto da rendere conveniente. Continua

Uscire dalla Pandemia 2020 con gli “European Reconstruction Proportional Bond”

Un’alternativa concreta ai “coronabond”: gli European Reconstruction Proportional Bond. Ecco perché potrebbero essere gli strumenti che salvano Europa e paesi europei Continua

Rischi e opportunità nell’attuale contesto di mercato

David Polak – Investment Director per l’azionario di Capital Group – ha segnalato che alcune realtà stanno resistendo meglio alla flessione del mercato Continua

Opportunità selettive (ma in ottica di medio-lungo termine)

Massimo Trabattoni (Head of Italian Equity di Kairos) ha segnalato che al momento il mercato riflette uno scenario piuttosto negativo, aggiungendo che “ma è anche vero che delle. Continua

I fattori oltre il coronavirus

L’ampiezza delle correzioni, e l’aumento della volatilità intra-day, degli indici di Borsa non dipende da un unico fattore come quello del Covid-19. Ma anche da altri squilibri Continua

Coronavirus, non è da escludere un rimbalzo a V dei mercati

Diversi gestori hanno definito l’epidemia da coronavirus come il cigno nero dei mercati finanziari del 2020. Tuttavia, c’è chi predica ottimismo e avanza l’ipotesi di una. Continua

Coronavirus: tre possibili scenari per i mercati finanziari

Secondo il team di gestione di La Financière de l’Echiquier la diffusione del coronavirus fuori dalla Cina ha riacceso il rischio di una pandemia fino a quel momento scartato. Continua

La bolla dei fattori, spiegata

Nella settimana finale del mese di febbraio si è assistito a un crash degli indici di Borsa come nessun altro prima. Neppure per l’11 settembre si era registrata una caduta. Continua

Il coronavirus sarà il cigno nero del 2020?

Nel suo libro Nassim Taleb definisce i “Cigni Neri” come eventi particolarmente imprevedibili, che hanno un impatto enorme sulla società umana. Come comportarsi in questa. Continua

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Сome fare soldi con le opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: