Come gestire l’inversione di tendenza nei grafici

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Come gestire l’inversione di tendenza nei Grafici

Oggi ti mostrerò i 2 casi più frequenti di inversione di tendenza nei grafici di trading forex e criptovalute.

Innanzitutto devi imparare, se già non lo sai fare, a disegnare la linea di tendenza con due punti minimi e un livello di supporto base con prezzi minimi del periodo target.

L’immagine mostra il grafico a candele con un intervallo di 15 secondi. E devi individuare dei minimi raggiunti dal grafico nel periodo in questione tracciando una linea di tendenza diagonale e, se ci sono dei movimenti laterali, passa ad individuarli con una linea di supporto orizzontale.

Analizziamo assieme questo grafico di trading.

In questa immagine i punti 1 e 2 li utilizzo per tracciare la linea di tendenza. Dovresti quindi acquistare l’opzione binaria intorno al punto 2, dove una grossa candela verde ti conferma la tendenza, e fissare la scadenza da 1 a 3 minuti – in modo tale da far salire il prezzo di chiusura dell’opzione binaria giusto al di sopra della linea di tendenza.

Al punto 3 vedi invece che il prezzo ha rotto (come si dice in gergo di trading) la linea di tendenza – questo si chiama appunto segnale di inversione di tendenza. Il prezzo comincia nell’esempio dell’immagine del grafico di IQ OPTION a scorrere lateralmente toccando la linea orizzontale di supporto locale nera.

Cosa dovresti fare ora?

Dovresti attendere finchè il prezzo non rompe questo livello – questo confermerebbe la nuova tendenza verso il basso del mercato.

A questo punto dovresti allora acquistare un’opzione con scadenza 1-3 minuti.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Come tracciare una linea di supporto in un grafico Forex e criptovalute

Analizziamo questo grafico del broker IQ Option .

Traccia la linea di supporto a partire dal livello del punto 1, che riflette il minimo che il prezzo non ha mai superato durante il periodo in osservazione.

Al punto 2 abbiamo la rottura di quel livello di supporto.

Cosa dovresti fare allora?

Dovresti andare in vendita con una scadenza a 3 o 5 minuti. Nel momento in cui il prezzo supera un livello, dovresti aspettarti forti fluttuazioni di prezzo, quindi è meglio acquistare con una scadenza più lunga.

Quando la tendenza invece è più stabile le fluttuazioni di prezzo dovrebbero essere continue in un raggio piuttosto ridotto. Questo può essere causato da una certa volatilità a breve termine, e alla alta liquidità degli strumenti (alti volumi soprattutto durante la sessione americana e europea).

In questo caso un limite, sia esso superiore o inferiore, è più visibile. Per ottenere dei benefici da questi superamenti di livello suggerisco di usare l’approccio illustrato nell’ultimo esempio.

Aggiungere una linea di tendenza o media a un grafico

In questo corso:

Nota: Riteniamo importante fornire il contenuto della Guida più recente non appena possibile, nella lingua dell’utente. Questa pagina è stata tradotta automaticamente e potrebbe contenere errori di grammatica o imprecisioni. L’intento è quello di rendere fruibile il contenuto. Nella parte inferiore della pagina è possibile indicare se le informazioni sono risultate utili. Questo è l’articolo in lingua inglese per riferimento.

Aggiungere una linea di tendenza al grafico per visualizzare le tendenze dei dati visivi.

Nota: Questa procedura si applica a Office 2020 e versioni successive. Alla ricerca di passaggi di Office 2020?

Aggiungere una linea di tendenza

Selezionare un grafico.

Selezionare il segno + nella parte superiore destra del grafico.

Selezionare Linea di tendenza.

Nota: Excel Visualizza l’opzione linea di tendenza solo se si seleziona un grafico con più di una serie di dati senza selezionare una serie di dati.

Nella finestra di dialogo Aggiungi linea di tendenza selezionare le opzioni di serie di dati desiderate e fare clic su OK.

Formattare una linea di tendenza

Fare clic in un punto qualsiasi del grafico.

Nel gruppo selezione corrente della scheda formato selezionare l’opzione linea di tendenza nell’elenco a discesa.

Fare clic su Formato selezione.

Nel riquadro formato linea di tendenza selezionare un’ opzione di linea di tendenza per scegliere la linea di tendenza desiderata per il grafico. La formattazione di una linea di tendenza è un modo statistico per misurare i dati:

Impostare un valore nei campi Avanti e indietro per proiettare i dati nel futuro.

Aggiungere una linea media mobile

È possibile formattare la linea di tendenza in una riga di media mobile.

Fare clic in un punto qualsiasi del grafico.

Nel gruppo selezione corrente della scheda formato selezionare l’opzione linea di tendenza nell’elenco a discesa.

Fare clic su Formato selezione.

Nel riquadro formato linea di tendenza, in opzioni linea di tendenza, selezionare media mobile. Specificare i punti, se necessario.

Nota: Il numero di punti in una linea di tendenza media mobile è uguale al numero totale di punti della serie meno il numero specificato per il periodo.

Aggiungere una linea di tendenza o di media mobile a un grafico in Office 2020

Nei grafici non in pila, 2D, a barre, a linee, azionari, a dispersione xy, a bolle o istogrammi, fare clic sulla serie di dati a cui si vuole aggiungere una linea di tendenza o una media mobile oppure eseguire queste operazioni per selezionare la serie di dati da un elenco di elementi del grafico:

Fare clic su qualsiasi punto nel grafico.

Verrà visualizzata la barra multifunzione Strumenti grafico con le schede Progettazione, Layout e Formato.

Nel gruppo Selezione corrente della scheda Formato fare clic sulla freccia accanto alla casella Elementi grafico e quindi selezionare l’elemento del grafico desiderato.

Nota: Se si seleziona un grafico con più serie di dati senza aver selezionato una serie di dati, Excel visualizza la finestra di dialogo Aggiungi linea di tendenza. Nella casella di riepilogo fare clic sulla serie di dati desiderata, quindi fare clic su OK.

Nel gruppo Analisi della scheda Layout fare clic su Linea di tendenza.

Eseguire una di queste operazioni:

Fare clic su un’opzione della linea di tendenza predefinita da usare.

Nota: Viene applicata una linea di tendenza senza la possibilità di selezionare opzioni specifiche.

Fare clic su Altre opzioni linea di tendenza, quindi fare clic sul tipo di linea di tendenza da usare nella categoria Opzioni linea di tendenza in Tipo di tendenza/regressione.

Usare questo tipo

Una linea di tendenza lineare usando l’equazione seguente per calcolare l’adattamento ai minimi quadrati per una linea:

dove m è la pendenza e b è l’intercetta.

Una linea di tendenza logaritmica usando l’equazione seguente per calcolare l’adattamento ai minimi quadrati tramite punti:

dove c e b sono costanti e ln è la funzione logaritmo naturale.

Una linea di tendenza polinomiale o curvilinea usando l’equazione seguente per calcolare l’adattamento ai minimi quadrati tramite punti:

dove b e sono costanti.

Una linea di tendenza di potenza usando l’equazione seguente per calcolare l’adattamento ai minimi quadrati tramite punti:

dove c e b sono costanti.

Nota: Questa opzione non è disponibile se i dati includono valori negativi o zero.

Una linea di tendenza esponenziale usando l’equazione seguente per calcolare l’adattamento ai minimi quadrati tramite punti:

dove c e b sono costanti ed e è la base del logaritmo naturale.

Nota: Questa opzione non è disponibile se i dati includono valori negativi o zero.

Una linea di tendenza della media mobile usando l’equazione seguente:

Nota: Il numero di punti in una linea di tendenza della media mobile è pari al numero totale di punti della serie meno il numero specificato per il periodo.

Valore R quadrato

Una linea di tendenza che visualizza un valore R quadrato in un grafico usando l’equazione seguente:

Questa linea di tendenza è disponibile nella scheda Opzioni della finestra di dialogo Aggiungi linea di tendenza o Formato linea di tendenza.

Nota: Il valore R quadrato che è possibile visualizzare con una linea di tendenza non è un valore R quadrato modificato. Per le linee di tendenza di potenza, logaritmiche ed esponenziali, Excel usa un modello di regressione trasformato.

Se si seleziona Polinomiale, immettere il valore più alto per la potenza della variabile indipendente nella casella Ordine.

Se si seleziona Media mobile, immettere il numero di periodi da usare per il calcolo della media mobile nella casella Periodo.

Se si aggiunge una media mobile a un grafico a dispersione (xy), tale media sarà basata sull’ordine dei valori x tracciati nel grafico. Per ottenere il risultato desiderato, potrebbe essere necessario ordinare i valori x prima di aggiungere una media mobile.

Se si aggiunge una linea di tendenza a un grafico a linee, ad area, a barre o a un istogramma, la linea di tendenza viene calcolata in base al presupposto che i valori x siano 1, 2, 3, 4, 5, 6 e così via. Questa presupposizione viene fatta quando i valori x sono numerici o di testo. Per creare una linea di tendenza in base a valori numerici x, è necessario usare un grafico a dispersione (XY).

Excel assegna automaticamente un nome alla linea di tendenza, ma è possibile modificarlo. Nella categoria Opzioni linea di tendenza della finestra di dialogo Formato linea di tendenza in Nome linea di tendenza fare clic su Personalizzato, quindi digitare un nome nella casella Personalizzato.

Si può anche creare una media mobile che consente di eliminare le fluttuazioni nei dati e di visualizzare più chiaramente il motivo o la tendenza.

Se si modifica una serie grafico o dati in modo che non supporti più la linea di tendenza associata, ad esempio modificando il tipo di grafico in 3D o cambiando la visualizzazione di un rapporto di grafico pivot o di un rapporto di tabella pivot associato, la linea di tendenza non viene più visualizzata sul grafico.

Per i dati linee senza grafico, è possibile usare Riempimento automatico o una delle funzioni statistiche, ad esempio CRESCITA() o TENDENZA(), per creare i dati adatti alle linee lineari o esponenziali.

Nei grafici non in pila, 2D, a barre, a linee, azionari, a dispersione xy, a bolle o istogrammi, fare clic sulla linea di tendenza da cambiare oppure eseguire queste operazioni per selezionarla da un elenco di elementi del grafico.

Fare clic su qualsiasi punto nel grafico.

Verrà visualizzata la barra multifunzione Strumenti grafico con le schede Progettazione, Layout e Formato.

Nel gruppo Selezione corrente della scheda Formato fare clic sulla freccia accanto alla casella Elementi grafico e quindi selezionare l’elemento del grafico desiderato.

Nel gruppo Analisi della scheda Layout fare clic su Linea di tendenza, quindi fare clic su Altre opzioni linea di tendenza.

Per cambiare il colore, lo stile o le opzioni di ombreggiatura della linea di tendenza, selezionare la categoria Colore linea, Stile linea, o Ombreggiatura, quindi selezionare le opzioni desiderate.

Nei grafici non in pila, 2D, a barre, a linee, azionari, a dispersione xy, a bolle o istogrammi, fare clic sulla linea di tendenza da cambiare oppure eseguire queste operazioni per selezionarla da un elenco di elementi del grafico.

Fare clic su qualsiasi punto nel grafico.

Verrà visualizzata la barra multifunzione Strumenti grafico con le schede Progettazione, Layout e Formato.

Nel gruppo Selezione corrente della scheda Formato fare clic sulla freccia accanto alla casella Elementi grafico e quindi selezionare l’elemento del grafico desiderato.

Nel gruppo Analisi della scheda Layout fare clic su Linea di tendenza, quindi fare clic su Altre opzioni linea di tendenza.

Per specificare il numero di periodi da includere in una previsione, in Previsione fare clic su un numero nella casella Periodi successivi o Periodi precedenti.

Nei grafici non in pila, 2D, a barre, a linee, azionari, a dispersione xy, a bolle o istogrammi, fare clic sulla linea di tendenza da cambiare oppure eseguire queste operazioni per selezionarla da un elenco di elementi del grafico.

Fare clic su qualsiasi punto nel grafico.

Verrà visualizzata la barra multifunzione Strumenti grafico con le schede Progettazione, Layout e Formato.

Nel gruppo Selezione corrente della scheda Formato fare clic sulla freccia accanto alla casella Elementi grafico e quindi selezionare l’elemento del grafico desiderato.

Nel gruppo Analisi della scheda Layout fare clic su Linea di tendenza, quindi fare clic su Altre opzioni linea di tendenza.

Selezionare la casella di controllo Imposta intercetta = e quindi, nella casella Imposta intercetta =, digitare il valore per specificare il punto sull’asse verticale (asse dei valori) in cui la linea di tendenza interseca l’asse.

Nota: È possibile farlo solo se si usa una linea di tendenza polinomiale, lineare o esponenziale.

Nei grafici non in pila, 2D, a barre, a linee, azionari, a dispersione xy, a bolle o istogrammi, fare clic sulla linea di tendenza da cambiare oppure eseguire queste operazioni per selezionarla da un elenco di elementi del grafico.

Fare clic su qualsiasi punto nel grafico.

Verrà visualizzata la barra multifunzione Strumenti grafico con le schede Progettazione, Layout e Formato.

Nel gruppo Selezione corrente della scheda Formato fare clic sulla freccia accanto alla casella Elementi grafico e quindi selezionare l’elemento del grafico desiderato.

Nel gruppo Analisi della scheda Layout fare clic su Linea di tendenza, quindi fare clic su Altre opzioni linea di tendenza.

Per visualizzare l’equazione della linea di tendenza nel grafico, selezionare la casella di controllo Visualizza l’equazione sul grafico.

Nota: Non è possibile visualizzare le equazioni della linea di tendenza per una media mobile.

Suggerimento: L’equazione della linea di tendenza viene arrotondata per renderla più leggibile. Tuttavia, è possibile cambiare il numero di cifre per un’etichetta della linea di tendenza selezionata nella casella Posizioni decimali della scheda Numero nella finestra di dialogo Formato etichetta tendenza. (Scheda Formato, gruppo Selezione corrente, pulsante Formato selezione).

Nei grafici non in pila, 2D, a barre, a linee, azionari, a dispersione xy, a bolle o istogrammi, fare clic sulla linea di tendenza per la quale si vuole visualizzare il valore R quadrato oppure eseguire queste operazioni per selezionare la linea di tendenza da un elenco di elementi del grafico:

Fare clic su qualsiasi punto nel grafico.

Verrà visualizzata la barra multifunzione Strumenti grafico con le schede Progettazione, Layout e Formato.

Nel gruppo Selezione corrente della scheda Formato fare clic sulla freccia accanto alla casella Elementi grafico e quindi selezionare l’elemento del grafico desiderato.

Nel gruppo Analisi della scheda Layout fare clic su Linea di tendenza, quindi fare clic su Altre opzioni linea di tendenza.

Nella scheda Opzioni linea di tendenza selezionare Visualizza il valore R quadrato sul grafico.

Nota: Non è possibile visualizzare un valore R quadrato per una media mobile.

Nei grafici non in pila, 2D, a barre, a linee, azionari, a dispersione xy, a bolle o istogrammi, fare clic sulla linea di tendenza da rimuovere oppure eseguire queste operazioni per selezionare la linea di tendenza da un elenco di elementi del grafico:

Fare clic su qualsiasi punto nel grafico.

Verrà visualizzata la barra multifunzione Strumenti grafico con le schede Progettazione, Layout e Formato.

Nel gruppo Selezione corrente della scheda Formato fare clic sulla freccia accanto alla casella Elementi grafico e quindi selezionare l’elemento del grafico desiderato.

Eseguire una di queste operazioni:

Nel gruppo Analisi della scheda Layout fare clic su Linea di tendenza, quindi fare clic su Nessuna.

Suggerimento: È anche possibile rimuovere una linea di tendenza subito dopo averla aggiunta al grafico facendo clic su Annulla sulla barra di accesso rapido o premendo CTRL + Z.

Aggiungere una linea di tendenza

Nel menu Visualizza fare clic su Layout di stampa.

Nel grafico selezionare la serie di dati a cui si vuole aggiungere una linea di tendenza e quindi fare clic sulla scheda struttura grafico .

Ad esempio, in un grafico a linee fare clic su una linea per selezionare ogni indicatore di dati della serie di dati.

Nella scheda struttura grafico fare clic su Aggiungi elemento graficoe quindi su linea di tendenza.

Scegliere un’opzione di linea di tendenza o fare clic su altre opzionilinea di tendenza.

È possibile scegliere una delle opzioni seguenti:

È anche possibile assegnare un nome alla linea di tendenza e scegliere le opzioni di previsione.

Rimuovere una linea di tendenza

Nel menu Visualizza fare clic su Layout di stampa.

Fare clic sul grafico con la linea di tendenza e quindi fare clic sulla scheda struttura grafico .

Fare clic su Aggiungi elemento grafico, su linea di tendenzae quindi su nessuno.

È anche possibile selezionare la linea di tendenza e premere CANC.

Servono altre informazioni?

È sempre possibile rivolgersi a un esperto nella Tech Community di Excel, ottenere supporto nella community Microsoft o suggerire una nuova caratteristica o un miglioramento in Excel UserVoice.

Gestire le inversioni di tendenza con i grafici

Le opzioni binarie sono particolarmente adatte a far conoscere l’analisi tecnica dei grafici e il trading tecnico soprattutto ai principianti. Essendo possibile aprire un conto già con pochi euro, ci si può avvicinare per la prima volta al mondo della finanza quasi senza correre rischi.

Una situazione molto frequente che si verifica sui mercati finanziari è l’inversione di tendenza, che richiede un riconoscimento tempestivo tramite l’analisi dei grafici e di realizzare i passi opportuni a partire dai dati in possesso. Esistono infinite variazioni nei grafici, ma non è necessario conoscerle al dettaglio tutte quante, un impegno che potrebbe persino risultare controproducente. Molto meglio concentrarsi solo su alcune e diventare un esperto nella pratica solo di esse.

Per molti analisti puri, il trading tecnico e le operazioni basate sui grafici sono solo speculazioni. Si tratta però di una visione limitata, mossa da un punto di vista piuttosto ristretto: quel che non si vuol vedere resta infatti invisibile agli occhi. I grafici vanno sempre considerati come la rappresentazione psicologica dei mercati, in questo modo essi sembreranno avere anche molto più senso. Il grafico riflette l’umore del mercato e da questo punto di vista è sensato considerare che alcune rappresentazioni consentano di prevedere il potenziale andamento dei valori in questione. In passato si è verificato spesso come una determinata condizione psicologica dei mercati facesse presagire un’imminente inversione delle tendenze, ed è proprio questa la situazione da ricercare nei grafici e nelle forme in esse rappresentate. Per farlo, non importa quale sia l’arco temporale preso in considerazione, sia che siate dei swing-trader impegnati sui grafici giornalieri o trader dediti a operazioni di breve durata e che quindi visionano grafici sui precedenti 15 minuti. Quale che sia l’arco temporale in questione, ovunque si ritrovano le medesime forme e gli stessi meccanismi psicologici che esse esprimono.

Sono in particolare due le rappresentazioni che indicano un’inversione di tendenza ad essere particolarmente apprezzate ed efficaci: il doppio picco, o doppio fondo, e le formazione spalla-testa-spalla.

Il doppio picco o doppio minimo

Nel caso del doppio picco, o doppio minimo, di tratta di una delle più note forme grafiche di inversione. Nel doppio picco, l’andamento si presenta in crescita fino al superamento di una determinata soglia, per poi risalire ulteriormente per un altro tratto. In seguito il valore del bene si scontrerà contro una resistenza incrollabile che non consentirà di essere superata nuovamente.

Ovviamente è soltanto in seguito che si può riconoscere che si trattava di un doppio picco e quindi di un indicatore di inversione di tendenza. La crescita è così interrotta e il trader potrà mettersi alla ricerca di un punto di entrata opportuno per le sue operazioni. Non è però il caso di affrettarsi troppo, ma bisogna continuare a seguire il mercato. Di norma si ha tempo sufficiente a disposizione per individuare delle opportunità di ingresso soddisfacenti e se qualcosa andasse perso, niente paura, il mercato consente centinaia di possibilità di guadagno in qualunque momento.

Formazione spalla-testa-spalla

Un’ulteriore formazione indicante un inversione di tendenza con elevate probabilità di successo è la cosiddetta formazione spalla-testa-spalla. L’andamento sale fino a una certa soglia e per poi ricadere: questo primo picco è la prima spalla, quella sinistra. Poco dopo si arriva a un’altra crescita che supera il primo picco e ne raggiunge un’altro più elevato, la testa. Il prezzo scende di nuovo, oltre la spalla sinistra, e alla risalita successiva questa non viene superata e si crea la seconda spalla.

Anche questa formazione indica una contrazione del mercato, nonché una possibile inversione di tendenza da cui si può trarre vantaggio anche con le opzioni binarie. Ovviamente la stessa formazione può presentarsi anche al contrario, dove anziché dei picchi si presenteranno dei minimi.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Сome fare soldi con le opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: