Dow Jones oggi quotazione come funziona e come Investire

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Dow Jones: cos’è, come funziona, come investire [guida aggiornata al 2020]

Dicembre 4, 2020 by Redazione

Se sei qui, significa che vuoi sapere qualcosa di più sul Dow Jones, uno dei più famosi indici di Borsa. Abbiamo scelto di parlarne in quanto, se si ha intenzione di approcciarsi al mondo degli investimenti, è necessario sapere di cosa si parla quando si nominano i principali indici azionari.

Alla luce di ciò, se vuoi conoscere le principali caratteristiche del Dow Jones, nella nostra guida puoi trovare tutte le informazioni in merito. Leggendo il nostro articolo troverai anche altre informazioni importanti. Quali, di preciso? I vantaggi di eToro, Investous e Plus500, tre broker che devi assolutamente conoscere se hai intenzione di iniziare a fare trading online da zero e di operare senza incorrere nel rischio di truffe.

Come puoi vedere, prima della guida puoi trovare un indice per punti. Abbiamo deciso di prepararlo e di inserirlo per darti la possibilità, se vorrai, di scegliere e approfondire gli argomenti che ti interessano di più.

Cos’è il Dow Jones

Il Dow Jones, per essere precisi Dow Jones Industrial Average, è il più importante indice azionario della Borsa di New York. Il suo nome non è casuale ma è legato alla figura di Charles Dow, fondatore del Wall Street Journal e considerato il padre dell’analisi tecnica. Questo indice azionari prende in considerazione i primi 30 titoli quotati sulla piazza di Wall Street, ossia la Borsa di New York. I criteri per l’inclusione non comprendono la capitalizzazione societaria.

Il basso numero di titoli annoverati è stata un’arma a doppio taglio per il Dow Jones. Questo paniere azionario nel corso del tempo ha infatti perso un po’ la sua importanza. Diversi investitori non lo considerano infatti sufficientemente rappresentativo delle aziende statunitensi quotate in Borsa. Nonostante questo, l’indice azionario gode di eccellente salute. A dimostrazione di ciò è possibile ricordare i nuovi massimi raggiunti nel luglio 2020 grazie alla politica monetaria della Banca Centrale degli Stati Uniti d’America.

La storia dell’indice è iniziata nel 1884, anno in cui Dow ha composto per la prima volta una media azionaria. Per ottenerla, ha preso in considerazione i dati relativi ai titoli azionari di nove società ferroviarie e di due aziende industriali. Per ricavare queste informazioni, Dow ha utilizzato l’Afternoon Letter, un bollettino considerato il principale precursore del più celebre Wall Street Journal.

Un’altra tappa importante nella storia di questo paniere azionario risale al 1896, anno in cui Dow ha calcolato un’ulteriore media azionaria, ma considerando solo titoli industriali. In questo modo è nato il Dow Jones Industrial Average. Di questi 12 titoli originari, nessuno è oggi parte dell’indice. La prima pubblicazione dell’indice risale al 1880. In quel periodo, considerabile come l’inizio dell’epopea industriale americana, l’indice azionario Dow Jones è stato protagonista delle sue più importanti mosse di prezzo.

Quali aziende lo compongono oggi?

Quali sono le aziende che compongono l’indice Dow Jones? Ecco l’elenco aggiornato al giugno 2020:

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

  1. 3M
  2. American Express
  3. Apple
  4. Boeing
  5. Caterpillar
  6. Chevron Corporation
  7. Cisco
  8. Coca Cola
  9. DowDuPont
  10. ExxonMobil
  11. Goldman Sachs
  12. Home Depot
  13. Intel
  14. IBM
  15. Johnson & Johnson
  16. JPMorgan Chase
  17. McDonald’s
  18. Merck
  19. Microsoft
  20. Nike
  21. Pfizer
  22. Procter & Gamble
  23. The Travelers Company
  24. United Technologies Corporation
  25. UnitedHealth Group
  26. Verizon Communications
  27. Visa
  28. Wall Mart
  29. Walgreens Boots Alliance
  30. Walt Disney

Come calcolare il valore dell’indice

Come si calcola il valore dell’indice Dow Jones? Per ricavare il risultato bisogna sommare i prezzi di tutti e 30 i titoli compresi nel paniere e dividere tutto per il cosiddetto divisore Dow, che tiene conto di diversi fattori. Tra questi, è possibile considerare i mutamenti relativi alla composizione dei titoli, così come gli aumenti di capitali ed eventi come le scissioni e le fusioni societarie. Grazie al divisore Dow, si evita che i suddetti eventi influenzino il valore dell’indice.

Come investire nel Dow Jones

Vista l’importanza dell’indice, sono numerosi gli utenti che si interessano alle modalità migliori per investire su questo paniere azionario. Esistono diverse alternative utili al proposito. Tra queste, è possibile ricordare i contratti futures, così come i contratti di opzione. Il principale contro di questa alternativa riguarda la difficoltà e i costi. Per fortuna, esiste un’ulteriore opzione. Di cosa stiamo parlando? Dei CFD (Contracts for Difference). Questi strumenti derivati permettono di replicare l’andamento dell’indice senza bisogno di acquistare nulla. Le alternative da considerare sono le seguenti:

  1. Apertura di una posizione long o di acquisto se si presume che l’indice possa aumentare il suo valore
  2. Apertura di una posizione short o di vendita in caso contrario

Molto importante è anche scegliere i broker giusti per investire. Qui sotto, puoi trovare un elenco con i nomi di alcuni tra i più importanti:

Social Trading (Copia i migliori)

Semplice ed intuitivo

Leva fino a 400 per trader professionisti

Metatrader 4 disponibile

Demo Gratuita Illimitata

Deposito minimo basso

Tra questi è degno di nota eToro (clicca qui per accedere al sito). Il motivo per cui è famoso è legato al Copy Trading, meccanismo che consente di copiare in maniera automatica e gratuita quanto è già stato fatto da altri investitori di successo, i cosiddetti guru.

Per utilizzare il broker, perfetto per i principianti, bisogna solo scegliere, tramite il motore di ricerca interno, gli utenti che, investendo sul Dow Jones, hanno ottenuto i risultati migliori. Le informazioni in merito sono disponibili anche a chi ha il conto demo. Quando ci si sente pronti, si può passare a quello con denaro reale. Per attivarlo, è necessario effettuare un deposito minimo di 200 euro.

Come avrai visto, per utilizzare eToro non c’è bisogno di essere esperti di trading. Nonostante questo, è bene non considerarlo una macchina da soldi. Chi vuole avere successo con questo broker deve infatti diversificare il rischio, scegliendo di seguire più guru. Attaccarsi alla strategia di un singolo è allettante, ma anche molto rischioso. L’ideale sarebbe seguirne 6 o 7 e monitorare nel tempo le loro performance.

Altri broker per investire sull’indice Dow Jones

eToro, seppur importante, non è certo l’unico broker utile per investire sul Dow Jones. Molto vantaggioso è anche Investous (clicca qui per accedere al sito). In questo caso, tra gli aspetti interessanti è possibile ricordare la possibilità di scaricare una guida gratuita sotto forma di ebook.

Si tratta di una risorsa molto semplice, grazie alla quale è possibile formarsi anche se si parte da zero. Un’altra buona notizia riguarda il fatto che per scaricarla non è necessario essere utenti del broker. Basta inserire la mail che si utilizza di più e il gioco è fatto!

Un ulteriore motivo per cui vale la pena considerare il broker riguarda la possibilità di usufruire dei segnali di trading. Quando li si nomina, si inquadrano dei consigli per investire forniti da trader di fama internazionale. Alla luce di ciò, i segnali di trading sono considerati un servizio di grande valore, motivo per cui molti broker li mettono a disposizione solo a pagamento.

Investous è diverso rispetto ai competitor e consente di utilizzarli gratis. Per provarli, è necessario effettuare un deposito minimo di almeno 250 euro (somma che non va considerata un pagamento ma una somma che l’utente può utilizzare liberamente sui mercati).

Concludiamo il nostro elenco di broker utili per investire nell’indice Dow Jones parlando di Plus500 (clicca qui per accedere al sito). In questo caso, parliamo del principale broker di CFD al mondo. Online dal 2008, non offre alcun sussidio formativo ma si contraddistingue per il fatto di essere semplice e intuitivo. Basta accedere alla schermata principale e sono chiari tutti i passaggi sia per aprire il conto demo, sia per attivare quello con denaro reale.

A proposito di quest’ultimo, è indubbiamente interessante la possibilità di cominciare partendo con un deposito minimo molto basso, pari a soli 100 euro. Per attivarlo, si possono utilizzare le principali carte di credito e non bisogna preoccuparsi per la sicurezza dei propri dati.

La teoria di Dow

Nonostante l’oggettiva facilità degli investimenti con i CFD tramite Plus500 e Investous e dell’immediatezza del Copy Trading di eToro, non fa comunque male capire il funzionamento del Dow Jones.

Importantissima per chiarire la situazione in merito è la teoria di Dow, formulata dall’ideatore del celebre indice di Borsa. Questa teoria si può riassumere in sei leggi. Ecco cosa dicono:

  1. I mercati si muovono secondo tre movimenti. Si tratta nello specifico del movimento primario, dell’oscillazione media e dell’oscillazione corta.
  2. I trend di mercato si contraddistinguono per la presenza di 3 fasi fondamentale, ossia accumulazione, assorbimento e distribuzione.
  3. Il mercato sconta ogni informazione. Questo significa che i mercati sono in grado di agire in maniera pressoché immediata alle informazioni che arrivano dall’esterno. Sulla base di queste ultime, sono in grado di procedere all’aggiustamento dei prezzi.
  4. Le medie di mercato si confermano vicendevolmente.
  5. I trend di mercato vengono confermati dai volumi. In questo caso abbiamo a che fare con una legge che risulta particolarmente utile nei casi in cui, per investire, si ricorre a indicatori di analisi tecnica come la media mobile. A tal proposito è bene specificare che, secondo Charles Dow, i movimenti dei prezzi risultavano strettamente correlati alle variazioni dei volumi. Entrando nel dettaglio della sua teoria ricordiamo che aveva ipotizzato il fatto che, in caso di cambiamenti di prezzo accompagnati da grossi volumi, si avesse la chiara testimonianza in merito alla dominanza del trend corrente. In questi frangenti, a suo avviso, chi investe deve aspettarsi una prosecuzione del trend per tutto il tempo in cui i volumi si mantengono costanti.
  6. I trend, a meno che no nsi verifichino inversioni, sono in grado di persistere. Per spiegare bene questa legge è necessario ricordare che Charles Dow era un sostenitore degli investimenti portati avanti considerando l’analisi di mercato. L’unica eccezione a questo approccio è da ricercare nei casi in cui ci sono segnali evidenti della conclusione del trend. Come riconoscerli? Prendendo come riferimento le leggi precedenti.

Conclusioni

L’indice azionario Dow Jones è uno dei panieri azionari più antichi e famosi. Caratterizzato da una quotazione legata in maniera diretta alle 30 società quotate che comprende, è contraddistinto da una bassa volatilità. Al suo interno risulta fortemente diversificato.

Analizzando l’elenco presentato nei paragrafi precedenti, possiamo infatti trovare aziende di numerosi settori. Giusto per fare qualche esempio ricordiamo le realtà del mondo food (Coca Cola e McDonald’s), ma anche tre colossi del mondo farmaceutico, ossia Pfizer, Merck e Johnson & Johnson. Tra i settori compresi nell’indice Dow Jones troviamo anche l’intrattenimento (Disney). Da non dimenticare sono poi le aziende attive nel comparto tecnologico, dell’industria chimica e le compagnie aerospaziali (si tratta solo di alcuni tra gli esempi che è possibile chiamare in causa).

Nonostante la bassa volatilità, i metodi disponibili per investire sono quasi tutti molto complicati a livello tecnico. L’unica eccezione a questa regola è data dai CFD. Questi strumenti sono molto semplici. Se si pensa che il valore dell’indice possa aumentare, bisogna aprire la posizione long. In caso contrario, bisogna orientarsi verso la posizione short. Se si azzecca l’andamento del paniere azionario, è possibile guadagnare.

Per utilizzare al meglio i CFD è necessario iscriversi a broker legali e autorizzati a livello internazionale. Indicativa a tal proposito è la presenza dell’autorizzazione a operare da parte di autorità come la CONSOB e la FCA. Fondamentale è inoltre il possesso della licenza CySEC. Se mancano riferimenti in merito, la cosa giusta da fare è cliccare in alto a destra e chiudere.

Con il desiderio di aiutarti se sei alle prime armi nel mondo degli investimenti abbiamo parlato di eToro (clicca qui per ottenere un conto), broker perfetto per i principianti e famoso per la possibilità di utilizzare il Copy Trading e di replicare in maniera automatica e gratuita le scelte di altri investiori di successo.

Grazie a Investous (clicca qui per iscriverti) e a Plus500 (puoi registrarti partendo da qui) è invece possibile investire in maniera semplice e immediata con i CFD.

Ora che hai terminato la lettura, speriamo di averti aiutato a capire qualcosa di più in merito all’indice Dow Jones. A questo punto, se ti va, puoi condividere l’articolo con i tuoi contatti Facebook e con quelli degli altri social a cui sei iscritto. Con un gesto di un secondo, consentirai ad altri utenti nella tua stessa situazione di scoprire qualcosa di più su questo importantissimo indice azionario.

Borsa Americana Wall Street [guide complete per principianti]

Come comprare Azioni Amazon previsioni 2020 quotazione e trading [Guida COVID-19]

Come comprare azioni Roche quotazione in tempo reale [2020] Test Elecsys

Dow Jones oggi quotazione: come funziona e come Investire [2020]

Come comprare azioni Zoom Video Communications quotazione [2020]

Come comprare Azioni Slack quotazioni e previsioni [Guida 2020]

Google Finance: cos’è come funziona? Meglio Yahoo Finanza? [Guida 2020]

Indici di borsa cosa sono? Come investire su indice di borsa? [2020]

Azioni Facebook quotazioni: vendita allo scoperto o comprare [2020]

Comprare Azioni Microsoft: grafico andamento quotazioni tempo reale [2020]

Roman Abramovich come è diventato ricco: patrimonio yacht [2020]

Trading online

in Demo

Fai Trading Online senza rischi con

un conto demo gratis illimitato:

puoi operare su Forex, Borsa,

Indici, Materie prime e Criptovalute.

ANALISI PREZZI IN TEMPO REALE

(leggi come avere le notifiche in tempo reale del ” trend dei traders “)

OPINIONI BROKER OPZIONI FX

**Le opzioni sono disponibili solo a clienti professionisti o non residenti in EEU.

OPINIONI BROKER CFD & FOREX

Tutte le guide e articoli:

Archivio Blog 2020

Investire in Dow Jones: La guida completa

L’indice Dow Jones è uno dei più importanti e famosi indici di borsa di tutto il mondo. Attualmente traccia i prezzi dei titoli delle prime 30 società statunitensi e viene utilizzato dagli analisti per valutare la salute del mercato azionario. In breve, riflette la fiducia degli investitori nelle società quotata e nell’economia complessiva.

Il Dow Jones viene calcolato sommando i prezzi delle azioni di tutte le società e dividendo per il numero delle società stesse. Il Dow Jones non tiene conto del numero di azioni in circolazione. Ad esempio, una società il cui valore della propria azione è pari a 200$ avrà una maggiore influenza sull’indice rispetto ad una società che ha un volume di titoli maggiore ad un valore di soli 10$.

Hai già sicuramente sentito parlare del Dow Jones. Quotidianamente tutti i telegiornali al termine della loro rassegna di notizie propongono una panoramica sui mercati finanziari e gli indici di borsa. Tra questi, molto diffusi sono il Dow Jones, il FITSE MIB, il NASDAQ ad esempio.

Adesso hai modo di capire in maniera approfondita cosa è l’indice Dow Jones, quali sono i suoi elementi caratteristici e le aziende quotate al suo interno.

Investire in Dow Jones oggi è alla portata di tutti. Grazie alla diffusione del trading online e delle piattaforme che consentono di effettuare investimenti in ogni angolo del mondo, sarai in grado di operare sul Dow Jones.

Quali sono le migliori piattaforme di trading da scegliere? Naturalmente, il web è pieno di broker online ma non tutti sono validi nella stessa misura. La nostra scelta è ricaduta su eToro e Investous, attualmente le migliori soluzioni per fare trading che tu sia un principiante o un trader navigato.

Scopri i loro vantaggi all’interno del nostro articolo. Leggi le prossime righe.

Investire in Dow Jones con le piattaforme CFD

Investire in Dow Jones è davvero semplice e alla portata di tutti. Chiunque può iscriversi ad una piattaforma di trading online e iniziare il suo percorso di investimenti. Ma quale scegliere tra le tante offerte del web?

Individuare la giusta piattaforma con cui fare trading è uno dei passi più importanti. Non è un caso, infatti, che solo alcune di queste sono degne di essere utilizzate dagli utenti del web. Ma non solo, alcuni broker online nascondono delle vere e proprie truffe da cui è importante stare alla larga.

Su alcune piattaforme, una volta che l’utente si iscrive, sarà bombardato di telefonate da parte di fantomatici esperti che consiglieranno ogni tipo di investimento. Diffida da questi individui e dai loro suggerimenti che spesso si riveleranno fallimentari.

Con le piattaforme di trading online come eToro e Investous potrai investire attraverso uno strumento finanziario molto diffuso. Stiamo parlando dei CFD o contratti per differenza.

I CFD sono degli strumenti finanziari derivati che consentono di iniziare ad investire anche con piccole somme. Il vantaggio dei CFD è che non sarai mai possessore dei titoli e potrai sfruttare la leva finanziaria come meccanismo per guadagnare.

Attenzione, però! Sebbene la leva finanziaria consenta di investire 100 € come se fossero 1000 €, commisurando i potenziali guadagni a quest’ultimo valore, anche le perdite saranno calcolate sull’investimento con la leva finanziaria.

Investire in Dow Jones con eToro

Se hai finalmente deciso di investire in Dow Jones e nelle sue aziende quotate, una delle migliori piattaforme che sentiamo di consigliarti è eToro. Scegliere eToro è il primo passo verso il trading di successo e per imparare tutto sul mondo della finanza. Perché diciamo questo?

La piattaforma di eToro è ricca di vantaggi a disposizione di tutti gli utenti che hanno completato la loro registrazione. Grazie alla sua interfaccia pulita, intuitiva e facile da utilizzare, eToro conta oltre 5 milioni di utenti attivi in tutto il mondo, tra cui molti italiani che sono diventati “Investitori Popolari”.

Il primo passo per partire alla grande con eToro è sfruttare i vantaggi del Copy Trading. Attraverso questa funzione potrai copiare con un solo click il portafoglio di investimenti dei trader di successo e iniziare anche tu a guadagnare come loro.

Farlo è semplicissimo: basterà completare la tua registrazione a eToro, andare su “Persone” nel menu di sinistra e cliccare su “Copia” sul trader che hai deciso di copiare. Un metodo semplice per investire i tuoi soldi in maniera profittevole.

Tuttavia, non sempre si è pronti ad investire i propri soldi e ad iniziare a fare seriamente trading online. Infatti, è consigliato un periodo di pratica per poter conoscere le dinamiche dei mercati finanziari. Quale alternativa scegliere?

Con eToro è possibile fare pratica attraverso l’utilizzo di un conto demo. Per poter sfruttare l’account di prova, sempre nel menu sulla sinistra e sotto il tuo profilo, c’è un piccolo menu a tendina. Cliccando sopra potrai scegliere il portafoglio virtuale.

Con il conto demo ogni utente ha 100.000$ virtuali da investire come meglio crede. Questa funzione, in sinergia con il Copy Trading, è un ottimo modo per simulare i tuoi investimenti e valutare il loro andamento futuro.

Dow Jones con Investous e i segnali di trading

Per investire in Dow Jones potrai anche sfruttare Investous, la piattaforma leader nel settore del trading. Il pregio di Investous è che un broker online veramente affidabile. Oltre alle decine di recensioni positive che la piattaforma conta sul web è dal 2020 partner ufficiale di uno dei club calcistici più blasonati al mondo: la Juventus.

Per fare trading, Investous offre una serie di vantaggi molto interessanti lato utente. Parliamo soprattutto dei segnali di trading, suggerimenti che vengono inoltrati agli operatori da parte degli esperti di trading della piattaforma.

Un segnale di trading non è un consiglio di investimento e non promette guadagni certi. Il tuo denaro è sempre a rischio. Ma sono degli avvisi di potenziali investimenti profittevoli che riceverai con una certa cadenza.

Per poter sfruttare al massimo gli avvisi di trading dovrai coglierli immediatamente o comunque non oltre 2-3 minuti. I mercati finanziari sono oggetto di continue oscillazioni, variazioni e un segnale potrebbe non essere più valido con il passare del tempo.

Aziende quotate su Dow Jones

Durante il 2020, gli indici di Dow Jones sono stati acquistati da S&P Dow Jones Indices LLC, una joint venture tra S&P Global e il gruppo CME. S&P Global gestisce migliaia di altri indici misurando quasi tutte le classi di attività. Non gestisce il NASDAQ che è un indice presente nella borsa di New York.

In verità, esistono 3 indici di Dow Jones che riguardano il settore dei trasporti e dei servizi pubblici. Il Dow Jones Industriale Average (DJIA) monitora il prezzo delle azioni di 30 società che rappresentano il mondo dell’industria. La capitalizzazione di mercato di questi titoli rappresenta quasi un quarto del mercato totale degli Stati Uniti. È ritenuto l’indice di mercato più quotato al mondo.

Le 30 società incluse sono: 3M, American Express, Apple, Boeing, Caterpillar, Chevron, Cisco, Coca-Cola, Disney, E! DuPont De Nemours & Co, Exxon Mobil, Goldman Sachs, Home Depot, IBM, Intel, Johnson & Johnson, JPMorgan Chase, McDonald’s, Merck, Microsoft, Nike, Pfizer, Procter & Gamble, Travelers Companies, United Technologies, UnitedHealth, Verizon, Visa, Walgreens Boots Alliance e Walmart.

Il Dow Jones Utility Average ingloba 15 titoli riguardanti le società di servizi pubblici. I loro profitti aumentano in base all’andamento del tasso di interesse.

Il Dow Jones Transportation Average considera i titoli riguardanti le aziende nel settore dei trasporti come le compagnie aeree, i camion e le compagnie di navigazione. È importante sottolineare che le società di trasporto possono realizzare i propri profitti solo dopo che il prodotto è stato fabbricato ed è disponibile alla spedizione.

La teoria di Dow

La teoria di Dow è una tesi che afferma che il mercato è in una tendenza al rialzo se una delle sue medie (industriale o di trasporto) avanza al di sopra di un importante massimo precedente ed è accompagnata o seguita da un progresso simile nell’altra media. Ad esempio, se la Dow Jones Industrial Average (DJIA) sale a un livello intermedio, la Dow Jones Transportation Average (DJTA) dovrebbe seguire l’esempio entro un ragionevole periodo di tempo.

La teoria di Dow è un approccio al trading sviluppato da Charles H. Dow che, con Edward Jones e Charles Bergstresser, ha fondato Dow Jones & Company, Inc. e sviluppato il DJIA. Dow ha arricchito la teoria in una serie di editoriali nel Wall Street Journal, che ha co-fondato.

Charles Dow morì nel 1902 e, a causa della sua morte, non pubblicò mai la sua teoria completa sui mercati, ma diversi seguaci e collaboratori hanno pubblicato opere che si sono estese agli editoriali.

Dow riteneva che il mercato azionario nel suo complesso fosse una misura affidabile delle condizioni generali di business all’interno dell’economia e che analizzando il mercato globale, si potesse misurare con precisione tali condizioni e identificare la direzione delle principali tendenze del mercato e la direzione probabile delle singole azioni.

La teoria ha subito ulteriori sviluppi nella sua storia di oltre 100 anni, compresi i contributi di William Hamilton negli anni ’20, Robert Rhea negli anni ’30 e E. George Shaefer e Richard Russell negli anni ’60. Alcuni aspetti della teoria hanno perso terreno, ad esempio, la sua enfasi sul settore dei trasporti – o le ferrovie, nella sua forma originale – ma l’approccio di Dow costituisce ancora il nucleo dell’analisi tecnica moderna.

Storia del Dow Jones

Chi è il creatore di uno degli indici più famosi del mondo? Il 3 luglio 1884 fu fondato Charles Henry Dow, ideatore del Wall Street Journal, insieme allo statista Edward Jones.

Qualche mese dopo, nel febbraio del 1885, Dow iniziò a pubblicare un elenco di 12 titoli che comprendevano due compagnie industriali e 10 ferrovie. Nel 1889 le compagnie industriali divennero otto. Successivamente questo elenco divenne il Dow Jones Transportation Average che includeva il settore del trasporto aereo e altri settori dei trasporti.

La Dow Jones Industriale Average è stata creata il 26 maggio del 1896 e all’inizio era una società di prodotti di base. Il suo valore iniziale era di circa 40,94$.

Di seguito, sono elencati i primi titoli del Dow Jones:

  • L’olio di cotone americano che è diventato parte di Best Foods
  • American Sugar che è stata trasformata in Amstar Holdings
  • American Tobacco che fu sciolta dall’azione antitrust nel 1911
  • Chicago gas ora parte di People Energy
  • Millennium Chemical
  • General Electric è rimasta in Dow Jones fino al 2020 per poi essere sostituita da Walgreens Boots
  • Laclede Gas è ancora in attività ma non è più in Dow Jones dal 1899
  • National Lead è ora NL Industries ed è stata rimossa dal Dow Jones nel 1916
  • Tennessee Coal & Iron fu acquistato da U.S. Stell nel 1907
  • La gomma degli Stati Uniti fa ora parte della Michelin

Il Dow Jones arrivò a contare 20 società nel 1916 e nel 1928 inglobava ben 30 società.

I traguardi raggiunti dal Daw Jones

Nonostante il crollo del mercato azionario del 1978, il Dow Jones raddoppiò il suo valore in soli 8 anni attestandosi a 4000, il 23 febbraio del 1995. Pochi anni dopo nel 1999, raggiunse un ulteriore importante obiettivo: un valore di 10.000 prima della grande recessione del 2001.

Nel corso degli anni, il valore dell’indice di borsa non ha smesso di aumentare. Nell’ottobre del 2007 si è attestato a 14.164,43 ma durante la crisi finanziaria del 2009 il suo valore è precipitato raggiungendo un minimo pari a 6.594,44. Per tornare al valore precedente, è stato necessario aspettare il marzo del 2020.

Il record di chiusura più alto del Dow Jones è di 26.828,39 ed è stato stabilito il 3 ottobre 2020.

Le nostre conclusioni su Dow Jones

Il DJIA continua a svolgere il suo scopo originale come indicatore di mercato ed economico, come indicato da Charles Dow. Finché contiene le azioni di società che riflettono le principali aree industriali dell’economia degli Stati Uniti durante un determinato periodo, questo indice di 30 titoli rimarrà probabilmente il gold standard degli indicatori finanziari.

Come investirai nel Dow Jones? eToro e Investous sono le migliori alternative per fare trading attualmente presenti sul mercato. Regolamentate da numerose autorità di vigilanza finanziaria (tra cui CySEC e Consob) sono il fiore all’occhiello del mondo degli investimenti online. Fai la tua scelta e inizia a fare trading!

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Сome fare soldi con le opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: