Strategia di trading con le bande di bollinger

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Le Bande di Bollinger e l’indicatore RSI nelle strategie di trading online

La strategia di trading che combina le Bande di Bollinger con l’indicatore RSI è una tecnica molto diffusa nel panorama del trading online , adatta soprattutto al Forex .

Per attuare la strategia di trading proposta, è necessario utilizzare due indicatori di trading contemporaneamente:

  1. le bande di bollinger;
  2. l’ oscillatore RSI.

Bande di bollinger

Le bande di Bollinger sono utilizzate per identificare i livelli di ipercomprato ed ipervenduto dei prezzi . Sostanzialmente quando il prezzo di un certo asset tocca la banda superiore siamo in una zona di ipercomprato, ciò può significare che di lì a breve il prezzo potrebbe iniziare a scendere.

Quando invece il prezzo tocca la banda inferiore, solitamente, il movimento dei prezzi tende ad invertire al rialzo.

Le Bande di Bollinger sono costituite da 3 linee che misurano differenti parametri, definiti deviazioni. Vediamole insieme.

  1. La linea centrale evidenzia l’andamento del prezzo su un time frame medio (15-20 periodi);
  2. la linea in alto indica il prezzo rispetto alla media centrale; in questo caso delinea una resistenza all’interno della quale è possibile registrare dei picchi massimi;
  3. la linea in basso, la terza, indica un supporto entro il quale il prezzo potrà muoversi.

L’immagine sottostante ci proietta un’idea abbastanza chiara delle 3 linee sopra descritte.

Bande di Bollinger: cosa sono?

Come potete vedere le Bande di Bollinger sono molto utili sia per ricevere segnali di trading che per seguire l’andamento dei trend. Le bande di Bollinger possono essere usate anche per misurare la volatilità presente nei mercati:

  • Quando le bande si allargano, indicano una fase di alta volatilità (quindi forte variazioni di prezzo )
  • Quando le bande si restringono, indicano una fase di bassa volatilità (ovvero una fase di mercato laterale)

Durante i momenti di bande contratte, bisogna stare attenti alla direzione che prenderanno i prezzi una volta finito il periodo di bassa volatilità. Infatti, i prezzi fuoriusciranno da una delle due bande (superiore o inferiore), per prendere una decisione netta al rialzo o al ribasso (la forza di questo movimento sarà tanto maggiore quanto più si allargheranno le bande).

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Oscillatore RSI

L’ oscillatore RSI ci fornisce le stesse informazioni delle bande di bollinger, con l’unica differenza che la sua media mobile oscilla tra due valori . Uno posto a quota 80, che indica la fase di ipercomprato, ed uno posto a quota 20, che invece contraddistingue la fase di ipervenduto.

Per definizione, l’RSI utilizzato nell’ analisi tecnica è uno degli oscillatori più importanti, e ci indica il trend dei prezzi in base a dei parametri stabiliti a priori, riferendosi ad un numero di periodi non definito.

Si tratta di un indicatore tecnico di indubbia valenza. Per funzionare correttamente però, necessita di essere utilizzato insieme ad altri indicatori, siano esse Bande di Bollinger , Medie Mobili, o altri. Attenzione però a non utilizzarlo mai da solo.

Due indicatori tecnici combinati ci offrono segnali più affidabili e ci permettono di costruire una strategia conveniente.

Dove studiare la strategia basata sulla combinazione delle bande di bollinger e dell’RSI? Potreste avvalervi di grafici esterni, ma anche di grafici interattivi interni ai broker. Uno dei migliori in circolazione, eToro, offre questa opportunità. Infatti su ogni asset potrete inserire le bande di bollinger e l’RSI e avviare la vostra strategia!

Strategia RSI+Bande di bollinger

Per attuare questa strategia bisogna impostare il time frame del grafico in D1. Ogni sessione avrà quindi la durata di 1 giorno. L’ oscillatore RSI invece va impostato a 5 periodi.

Il segnale operativo si ottiene quando il prezzo chiude oltre una delle due bande e l’ oscillatore RSI è posizionato in uno dei due estremi 80 e 20.

Come puoi vedere nell’immagine, abbiamo due segnali di trading che possono essere sfruttati all’apertura della sessione di trading del giorno successivo. Entrambi i segnali sono rialzisti. Vediamo la regola che sta alla base della nostra strategia di trading .

Posizione long: si acquista quando il prezzo chiude sotto la banda inferiore e l’RSI si presenta sulla quota 20 o inferiore.

Posizione short: si vende quando il prezzo chiude sopra la banda superiore e l’ oscillatore RSI è posto a quota 80 o superiore.

In altri termini possiamo spiegare la strategia nel seguente modo:

semplicemente valutare l’investimento in base alle fasi di ipercomprato e di ipervenduto del prezzo . In entrambi i grafici devono combaciare tutti e due gli indicatori. Quindi andremo ad agire esclusiviste quando i due indicatori danno un unico segnale; di conseguenza avremo:

  • Rsi in ipervenduto + bande di bollinger in iper-venduto: ci indicano quando posizionarci long.
  • Rsi in ipercomprato + bande di Bollinger in iper-comprato: ci indicano quando posizionarci short.

Esempio pratico

Per prima cosa è opportuno configurare i grafici. Quindi impostiamo:

  1. un time frame posto a 15 minuti;
  2. i seguenti indicatori:
    1. bande di Bollinger, pari a un numero di periodi di 50 e una deviazione standard di 3,5;
    2. Un oscillatore RSI a 5 periodi, mentre un livello di iper-comprato pari a 75 e un livello di iper-venduto 20.
    3. EMA : periodi 50

È bene precisare che anche se preferiamo operare su coppie di valute Forex , possiamo benissimo scegliere altri asset, considerando che non viene specificato alcun preciso sottostante.

Un altro punto riguarda proprio l’entrata a mercato. La domanda che sicuramente ti starai ponendo è: Quando acquistare a rialzo?

Se la candela presente sul grafico a 15 minuti risulta essere sotto la banda di Bollinger inferiore, e l’ indicatore RSI si trova sotto il livello di iper-venduto, allora si procede all’acquisto.

Quando vendere?

Anche in questo caso, operiamo su una candela con time frame a 15 minuti, che chiude sopra la banda di Bollinger superiore ed allo stesso tempo presenta l’indicatore RSI con un valore di ipercomprato. In questo caso la strategia prevede di vendere come mostrato nel grafico sottostante.

Nonostante la grande affidabilità di questa strategia , ci sentiamo obbligati di fornirti due utili consigli.

Il primo riguarda l’ipotesi che si verifichi un falso segnale. In questo caso ti conviene aspettare prima di riacquistare una nuova posizione sullo stesso asset, almeno che il prezzo testi la media mobile, come dimostra il grafico qui sotto.

Il secondo punto invece riguarda la deviazione standard delle bande Bollinger che dovrebbero essere comprese tra 2,5 e 3,0.

Infine, sia nel caso in cui tu operi al ribasso, oppure opti per una strategia al rialzo, ti consigliamo di attendere che il prezzo formi un max/min assoluto, per poi poter entrare a mercato con più sicurezza. Il grafico qui sotto rappresenta un esempio tangibile di un’operazione di trading a mercato.

Un altro broker molto famoso che i trader utilizzano è IQ Option. La piattaforma offre dei grafici interattivi molto interessanti che ti possono aiutare nel comprendere l’andamento del mercato e attuare le tue strategie, come quella che combina le Bande di Bollinger con l’indicatore RSI.

Le Bande di Bollinger sono costituite da 3 linee che misurano differenti parametri, definiti deviazioni:
1)La linea centrale evidenzia l’andamento del prezzo su un time frame medio (15-20 periodi);
2)la linea in alto indica il prezzo rispetto alla media centrale; in questo caso delinea una resistenza all’interno della quale è possibile registrare dei picchi massimi;
3)la linea in basso, la terza, indica un supporto entro il quale il prezzo potrà muoversi.

L’indicatore RSI ci fornisce le stesse informazioni delle bande di bollinger, con l’unica differenza che la sua media mobile oscilla tra due valori. Uno posto a quota 80, che indica la fase di ipercomprato, ed uno posto a quota 20, che invece contraddistingue la fase di ipervenduto.

Il segnale operativo si ottiene quando il prezzo chiude oltre una delle due bande e l’oscillatore RSI è posizionato in uno dei due estremi 80 e 20.

Strategia forex scalping bande di Bollinger

Di strategie di trading ne esistono veramente molte, ma soltanto gli illusi possono pensare che tutte siano efficaci allo stesso modo. Una strategia va ben ponderata e studiata per rispondere alle proprie esigenze di profitto ed all’ammontare del capitale che si ha a disposizione. La pianificazione del trading poi è sempre molto importante per definire che tipo di strategia bisogna utilizzare, nel caso delle strategie forex scalping tutto questo diventa ancora più importante se non determinante.

Molte volte, comunque, è possibile ottenere ottimi risultati seguendo le strategie di trading di qualcun altro. Ad esempio, chi si iscrive ad un buon servizio di segnali di trading ha la possibilità di operare seguendo i consigli di espertissimi analisti finanziari. Per chi fosse interessato, segnaliamo che il servizio migliore di segnali, in quanto a affidabilità delle predizioni, è quello offerto da Investous. Puoi iscriverti gratis ai segnali cliccando qui.

Prima di passare all’analisi della strategia di forex trading basata sulle bande di Bollinger è meglio fare una precisazione: qualunque strategia, anche la migliore, funziona solo se il broker che si utilizza per fare trading è di ottima qualità. Ad esempio, chi utilizza il broker Investous di solito ha successo. Chi utilizza broker non regolamentati perde sempre, anche se utilizza ottime strategie. Perché succede questo? Perché Investous garantisce affidabilità, essendo un broker autorizzato e regolamento. Inoltre offre anche condizioni economiche molto favorevoli, spread bassi, assenza di commissioni.

Ovviamente Investous non è l’unico broker degno di fiducia. Abbiamo raccolto alcuni tra i migliori broker per fare trading forex in una tabella:

Social Trading (Copia i migliori)

Semplice ed intuitivo

Leva fino a 400 per trader professionisti

Metatrader 4 disponibile

Demo Gratuita Illimitata

Deposito minimo basso

Lo scalping è una metodologia di trading talmente veloce che bisogna essere sicuri che tutto vada per il meglio se si vuole veramente chiudere la giornata in profitto dopo aver aperto e chiuso anche decine se non a volte centinaia di piccole operazioni di trading nel giro di pochi minuti, a volte anche soltanto alcuni secondi.

In alcuni trade si guadagnano centesimi, in altri decine di euro, ma sarà la somma di tutte le operazioni che alla fine ti darà il totale dei profitti ottenuti, a volte si parla di cifre spaventose. Se anche tu hai intenzione di fare scalping al meglio ti conviene provare la strategia per lo scalping basata sulle bande di Bollinger, noi l’abbiamo testata per te e te la offriamo qui, su un piatto d’argento.

Strategia scalping bande di Bollinger: semplice ma efficace

Non si capisce bene il perchè, ma molto spesso i traders neofiti sono portati a pensare che l’unico modo per fare guadagni interessanti sia applicare strategie difficili, astruse o quasi oscure. Noi invece siamo convinti che per ottenere il successo molto spesso si possa semplicemente fare affidamento a strategie comprensibili e facilmente attuabili, rimandando ad un secondo momento gli approfondimenti verso strategie più strutturate che possono portare solo ad una ottimizzazione dell’operatività, ma non sono fondamentali per raggiungere il profitto stesso.

Le bande di Bollinger rispondono molto bene alle esigenze dei principianti grazie alla loro facilità di utilizzo. Si tratta di un indicatore molto usato per misurare la volatilità del mercato, ovvero un parametro fondamentale proprio per fare scalping, ma da tenere sempre presente per qualsiasi tecnica di trading si voglia mettere in pratica. Le bande di Bollinger sono in grado di offrire ai traders eccellenti indicazioni su come agire, ovvero sul tipo di trade da avviare, se di vendita o di acquisto.

Le bande di Bollinger si chiamo così proprio dal nome del loro inventore, tale John Bollinger il quale negli anni 80 cominciò a fare grandissimi affari usando questo indicatore. Le bande di Bollinger si sostanziano in 3 curve, che prendono appunto il nome di bande, che oscillano seguendo i movimenti del prezzo sul grafico.

  • La banda centrale che è conosciuta come media mobile lineare, misura i trend di medio termine.
  • La banda superiore invece viene calcolata prendendo in esame la media mobile lineare e sommando 2 volte la deviazione standard.
  • La banda inferiore invece è data dalla media mobile lineare -2 volte la deviazione standard.

Ma al di la dei calcoli necessari per l’indicatore ti basti sapere che maggiore è la distanza tra le bande che puoi osservare sul grafico maggio è la volatilità del mercato. In pratica si possono comprendere le dinamiche del mercato a colpo d’occhio grazie a questo indicatore, che è anche molto preciso. Se infatti dovessi notare le bande convergere verso uno stesso punto sei di fronte ad una contrazione della volatilità. I traders sono in grado di utilizzare le bande di Bollinger con estrema efficacia perchè per operare basta notare quale è il rapporto delle bande con l’andamento del prezzo, ecco spiegato come investire seguendo le bande di Bollinger:

  • Si acquista quando i prezzi raggiungono la banda inferiore del cross, la qual cosa indica un rialzo imminente dei prezzi.
  • Si vende invece nel caso contrario ovvero quando i prezzo arrivano a toccare la banda superiore sintomo di un eccesso di rialzo e che quindi il mercato presto diverrà ribassista.

Sul mercato quando puoi osservare bande divergenti è chiaro che il mercato possa assumere movimenti decisi ed anche alquanto prevedibili, quando invece si assiste ad un assottigliamento è possibile che stia per verificarsi un cambiamento repentino dell’andamento del prezzo, in quanto la situazione psicologica che si delinea è piuttosto chiara, tutti gli investitori stanno aspettando che qualcosa cambi sul mercato al fine di agire.

Strategia scalping bande di Bollinger: segnali operativi

  • Nel momento in cui i prezzi raggiungono la banda superiore diventa molto probabile che tu stia per assistere ad un rimbalzo interno alla banda e quindi ad una flessione dei prezzi, questo è un momento propizio per entrare a mercato con una posizione short ed uscirne poco dopo con un profitto. Più il prezzo forza la banda superiore maggiori sono le conferme che ottieni per il tuo segnale operativo di vendita.
  • Nel caso contrario ovvero quando i prezzi raggiungono la banda inferiore sta per verificarsi un rimbalzo interno alla banda e questo indica un eccesso di ribasso e quindi una imminente crescita dei prezzi è consigliabile ora entrare a mercato con una posizione long.

Le bande di Bollinger sono un indicatore molto affidabile in grado di portarti a profitto nella maggior parte dei casi basta essere acuti osservatori di ciò che accade nel mercato e porre la massima attenzione ai falsi segnali. Le bande di Bolinger infatti non sono infallibili e non possono garantirti il successo nel 100% dei casi, la cosa più importante resta quindi l’accortezza di limitare le perdite inserendo degli stop loss che provvedano all’uscita automatica dal mercato ed alla chiusura della tua posizione al verificarsi di un movimento avverso del mercato.

Fortunatamente la tecnica dello scalping presuppone svariati tentativi giornalieri di utilizzo della strategia su time frame molto ristretti ciò significa che se grazie alle bande di Bollinger ricevi segnali di inversione del mercato poco convincenti puoi chiudere la tua posizione alle prime avvisaglie di condizioni avverse e portare comunque a casa un profitto. La strategia è efficace su qualsiasi tipo di asset basta che siano caratterizzati da una alta volatilità che permetta guadagni di buon livello con lo scalping, è per questo che viene utilizzata da numerosi traders in tutto il mondo!

Bande di Bollinger: cosa sono e come funzionano. Guida completa

10 Luglio 2020 – 16:57

10 Luglio 2020 – 18:31

Bande di Bollinger: cosa sono e come funzionano? Ecco la guida completa sui metodi di utilizzo di questo strumento ai fini delle operazioni di trading.

Bande di Bollinger: cosa sono e come utilizzarle nella propria strategia di trading?

Le bande di Bollinger sono considerate uno degli strumenti più importanti e più funzionanti nel panorama degli indicatori di analisi tecnica. In particolare fanno parte degli indicatori di volatilità del mercato ma assolvono anche ad altre importanti funzioni tra cui individuare le fasi di ipercomprato/ipervenduto ed il range di oscillazione dei prezzi.

Per le loro caratteristiche, le bande di Bollinger permettono di capire in che modo si muoveranno le valute, anticipando possibili inversioni di tendenza e non solo.
Le bande di Bollinger offrono la possibilità ai trader di creare una strategia vincente e soprattutto efficace. Se usate propriamente possono infatti generare dei segnali di ingresso a mercato molto affidabili e con buone prospettive di guadagno.
Ecco la guida completa sui metodi di utilizzo della bande di Bollinger nel trading.

Bande di Bollinger: cosa sono e come funzionano. Guida completa

Prima di entrare nel vivo della trattazione vediamo prima un po’ di storia e qualche notizia in più su Bollinger, l’ideatore delle bande.

Bande di Bollinger: un po’ di storia

Le bande di Bollinger prendono il nome dal loro ideatore John Bollinger, un analista finanziario americano, che le ha formalizzate ispirandosi alla teoria di John Hurst. Nel libro “Bollinger on Bollinger Bands”, pubblicato nel 2002, Bollinger illustra la sua teoria delle bande di Bollinger.

Nel 1980 Bollinger diventa un operatore finanziario indipendente e poco dopo entra a far parte del Financial News Network del quale sarà capo analista finanziario per ben sette anni.
Proprio in questo periodo comincia ad ideare le Bande e le altre teorie proposte nei suoi libri. Nel 2005 riesce anche a vincere il Lifetime Award for Outstanding Achievement in Technical Analysis, per il grande contributo che ha dato all’analisi tecnica e al suo avanzamento. Bollinger ha poi fondato la Bollinger Capital Management, della quale è il presidente, una società di investimenti che gestisce il denaro e effettua gli investimenti in base alle previsioni dell’analisi tecnica.

Iniziamo adesso a conoscere meglio lo strumento ideato da Bollinger e a capire come funziona.

Bande di Bollinger: cosa sono?

Le bande di Bollinger sono uno degli indicatori più utilizzati nell’ambito dell’analisi tecnica sui mercati. Come accennato prima, la teoria del ricercatore John Hurst è la base delle bande di Bollinger.
Secondo tale teoria, intorno al prezzo di uno strumento finanziario gravitano delle “buste di negoziazione” (envelopes) calcolate con una percentuale che oscilla tra il 3% e il 4%. In queste “buste” è possibile sviluppare importanti idee di trading segnalate appunto dalle bande di Bollinger.

Le bande di Bollinger altro non sono che una media mobile a 20 periodi del prezzo dello strumento oggetto di analisi più le deviazioni standard della media che formano le “sacche” di cui si è parlato prima. Per ottenere le envelopes è necessario calcolare due medie traslandone una verso il basso o verso l’alto di una determinata percentuale.

Questo indicatore nasce per misurare la volatilità del mercato, ma assume poi delle caratteristiche ben più interessanti. Mediante la combinazione delle bande di Bollinger con altri indicatori si può derivare l’inversione di un trend e i momenti migliori di buy/sell.

Molti trader ritengono che le bande di Bollinger offrono i segnali di trading migliori e soprattutto i più affidabili.

Bande di Bollinger: come si ottengono?

Le bande di Bollinger si compongono nel seguente modo:

  • una media Mobile Lineare a N giorni, che rappresenta la linea centrale;
  • la banda superiore si ottiene da una media mobile lineare a cui si somma 2 volte la deviazione standard;
  • la banda inferiore si ottiene da una media mobile lineare a cui si sottrae 2 volte la deviazione standard.

Queste curve si ottengono esclusivamente dallo storico dei prezzi della coppia valutaria presa in esame. Sovrapponendo la curva dei prezzi a queste tre linee si riesce ad avere una figura dell’andamento dei prezzi nel tempo e a visualizzare l’area in cui i prezzi sono contenuti.

Dopo aver visto cosa sono e come funzionano, approfondiamo adesso e scopriamo quali sono i metodi di utilizzo nel trading.

Bande di Bollinger: metodi di utilizzo

I software di trading costruiscono da soli le bande di Bollinger in base a caratteristiche predefinite o scelte dall’utente. Nel particolare, le bande si presentano in questo modo:

La banda superiore e la banda inferiore funzionano come aree di supporto e resistenza dinamiche. In sostanza è come se indicassero fasi di ipercomprato e ipervenduto.
Inoltre, quando si è presenza di una sessione molto movimentata le bande si espandono, mentre in momenti di bassa volatilità le bande si contraggono.

È importante notare che il prezzo tende sempre a tornare verso la linea centrale delle bande. Questo è quello che viene definito il rimbalzo di Bollinger.

In particolare, quando il prezzo arriva in prossimità della banda superiore e la buca il mercato può essere considerato in fase di ipercomprato, a significare una imminente inversione ribassista del trend. In tal caso sarà opportuno aprire una posizione di vendita qualora il prezzo rientri prontamente all’interno della banda superiore.

Viceversa, quando il prezzo arriva in prossimità della banda inferiore e la buca il mercato può essere considerato in fase di ipervenduto, a significare una imminente inversione rialzista del trend. In tal caso sarà opportuno aprire una posizione di acquisto qualora il prezzo rientri prontamente all’interno della banda inferiore.

In entrambi i casi il target va posizionato in corrispondenza della linea centrale.

Diversamente i momenti di restringimento delle bande si possono sfruttare per individuare il momento migliore per piazzare un ordine di breakout.

In questo caso, che viene detto squeeze, si possono avere due differenti situazioni:

  1. le candele rompono la banda superiore che indica una fase di trend rialzista. Dopo la rottura della banda superiore solitamente il prezzo continua la salita;
  2. le candele rompono la banda inferiore che indica l’arrivo di un trend ribassista. Come per il caso precedente dopo la rottura i prezzi continuano a scendere.

Bande di Bollinger: svantaggi e soluzioni

Un problema delle bande di Bollinger è che sono poco resilienti nei periodi di volatilità e che non sempre alle rotture seguono poi continuazioni del movimento.

Ecco perché molti trader affiancano alle bande di Bollinger indicatori in grado di segnalare eventuali divergenze come ad esempio l’indicatore di forza relativa (indicatore RSI) o il money flow index (indicatore MFI) che sono in grado di fornire segnali di conferma unitamente a quelli delle bande di Bollinger.

Iscriviti alla newsletter Formazione Finanziaria per ricevere le news su Bande di Bollinger

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Сome fare soldi con le opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: